Omaha Poker

Omaha Poker

Il termine Omaha deriva dall’omonima città statunitense, la più popolata del Nebraska. Il gioco nacque negli anni Settanta con il nome iniziale di Two by Three e si giocava con cinque carte. Per comodità venne poi lanciata una versione con quattro carte per ciascun giocatore in modo tale da poter permettere a più giocatori di sedersi allo stesso tavolo.

Nel 1982 il gioco con il nome attuale iniziò a diffondersi diventando molto popolare. Oggi Omaha Poker è uno dei giochi di Poker più ambiti nei casinò di Las Vegas.

Su questa pagine, dopo una breve introduzione all’Omaha Poker, parleremo delle Omaha regole, delle strategie e delle differenze con il Texas Hold’em.

Cos’è Omaha Poker?

L’Omaha è un gioco simile al Texas Hold’em, una delle varianti del poker più popolari, nonché molto diffusa.

Nel Poker Omaha sono distribuite cinque carte scoperte sul tavolo (community cards), mentre ogni giocatore riceve quattro carte coperte (hole cards). Il giocatore, per vincere il piatto, deve avere la miglior mano di cinque carte da poker, utilizzando due delle quattro carte coperte insieme a tre delle cinque community cards. Nel caso in cui rimanga un solo player, si aggiudica automaticamente il piatto.

Ci sono due differenti tipi di Omaha, Omaha High/Low e Omaha High, a volte indicato semplicemente come Omaha.

Differenze tra Omaha and Omaha Hi-Lo poker

L’Omaha High, o semplicemente Omaha, può essere giocato con un mazzo da 52 carte senza l’utilizzo di jolly, da un minimo di due a un massimo di nove giocatori, e ogni mano consiste in quattro giri di puntate. Ogni giocatore riceve quattro pre-flop (carte coperte), visibili in esclusiva solo al giocatore che le riceve. Dopo il primo giro di puntate, il dealer scarta una carta dal mazzo e distribuisce tre carte scoperte al centro del tavolo (flop). Dopo il secondo giro di puntate, il mazziere distribuisce un ulteriore carta scoperta al centro del tavolo (turn) dopo averne scartata un’altra dal mazzo. In seguito poi ha luogo il terzo giro di puntate, dopo il quale il dealer scarta l’ultima carta dal mazzo, distribuendo l’ultima carta scoperta al centro del tavolo (il river). Dopo quest’ultima fase, avrà luogo l’ultimo giro di puntate. Per aggiudicarsi il piatto, i giocatori devo formare la miglior mano di cinque carte da poker, utilizzando due carte coperte e tre delle carte comuni. Combinazioni e valore dei punti sono uguali al Texas Hold’em.

Le regole dell’ Omaha Hi-Lo sono simili a quelle dell’ Omaha, la particolarità è rappresentata dalla divisione del piatto, effettuata in modo equo tra la miglior mano alta e la miglior mano bassa valida. Quando il piatto completo non può essere diviso in modo perfetto tra il punto più alto e quello più basso, il centesimo in più (o cieco) va aggiunto al piatto alto. Il giocatore con la più bassa combinazione di cinque carte vince il piatto basso, il giocatore con la più alta combinazione di cinque carte vince il piatto alto. Se più giocatori hanno mani basse uguali, il piatto basso viene diviso equamente tra loro, di conseguenza se ci sono diversi giocatori con mani alte uguali, il piatto alto viene diviso in parti uguali. Ciascun giocatore può parallelamente partecipare sia al piatto alto, sia al piatto basso. I partecipanti possono anche decidere di utilizzare differenti combinazioni di carte coperte (hole cards) e carte comuni (community cards).

La mano più alta nell’Omaha Hi-Lo è identica a quella dell’Omaha High. Tuttavia, una minima differenza nelle fasi di gioco può cambiare le sue strategie.

La principale differenza tra Omaha High e Omaha Hi-Lo, arriva nel momento finale. L’unico momento infatti in cui Omaha High e Omaha l’Hi-Lo differiscono, capita nello showdown. L’Omaha Hi-Lo è per tale motivo definito come una variante “split pot”, cioè allo showdown il piatto si divide a metà, consegnando una parte a chi ha la mano migliore, l’altra a chi ha la miglior “mano bassa” possibile. La mano più alta nell’Omaha Hi-Lo è identica a quella dell’Omaha High.

Le mani basse invece devono presentano alcune particolarità: una di queste, riguarda la principale caratteristica che una mano bassa è composta da tre carte scoperte (community cards) e due carte coperte. Altro requisito è che le carte usate dal giocatore per la sua mano alta non hanno effetto sulla mano bassa, ne consegue infatti che il giocatore può scegliere di usare le stesse carte, carte diverse o una combinazione di esse. Altri fattori da tenere in considerazione riguardano ad esempio la caratteristica dei Colori e delle Scale, che vengono ignorati, e gli assi vengono considerati come carte basse.

Omaha Poker Regole: Come giocare

Vediamo ora come giocare a Omaha Poker.

Prima di tutto, bisogna tenere a mente che nell’Omaha la puntata minima è l’equivalente del grande buio, la puntata massima è invece la dimensione del piatto. I bui, se ad esempio esiste già una puntata, sono calcolati come puntate obbligatorie per partecipare o per restare in partita, e permettono al giocatore di effettuare un rilancio. Non bisogna mai dimenticarsi della regola principale per giocare, ovvero quando si tratta di formare la mano a cinque carte, bisogna utilizzare una delle proprie carte e quattro delle carte comuni. Come detto in precedenza, si tratta di una variante di poker che permette di giocare da 2 a 9 giocatori, utilizzando un mazzo di 52 carte senza l’uso dei jolly, con quattro giri di puntate. Il giocatore con la combinazione di cinque carte più alte vince la partita, se sono presenti più giocatori con una mano bassa, la mano più bassa vince il lato basso del piatto, e viceversa per il lato alto. I piccoli e grandi bui ruotano con il bottone, ed esistono quattro giri di puntata, denominati pre-flop, flop, turn e river.

Quattro sono le differenti opzioni di puntata:

  • Check: il giocatore controlla il gioco senza effettuare puntate
  • Bet: è la prima puntata di un giro
  • Raise: il giocatore aumenta la puntata del precedente giocatore
  • Call: il giocatore punta l’importo della puntata o il rilancio del giocatore precedente
  • Fold: è l’opzione che permette al giocatore di passare, cioè di smettere di giocare la mano in corso, e non può più partecipare a nessuna parte del piatto.

Esistono differenti tipi di gioco :

  • Limit
  • Pot Limit
  • No Limit

Nella tipologia LIMIT, sono consentite massimo quattro puntate per ogni giro: il primo giro (bet), un rilancio, un secondo rilancio e un rilancio finale. Gli importi delle puntate e dei rilanci dipendono dai limiti del tavolo. I limiti del tavolo sono visibili nella barra del nome, ovvero nella parte superiore del tavolo. Durante i primi due giri di puntate (pre-flop e flop), le puntate e i rilanci devono essere uguali al grande buio (big blind). Nei successivi due giri, le puntate e i rilanci devono essere uguali al doppio del big blind.

Esempio: in un tavolo “euro 1/ euro 2 Limit” lo small blind (piccolo buio) è di 1 euro, il big blind (grande buio) è di 2 euro, andiamo a vedere i rilanci nelle varie fasi:

  • Pre-flop: 2 euro, 4 euro, 6 euro, 8 euro
  • Flop: 2 euro, 4 euro, 6 euro, 8 euro
  • Turn: 4 euro, 8 euro, 12 euro, 16 euro
  • River: 4 euro, 8 euro, 12 euro, 16 euro

Nella versione POT LIMIT non c’è nessun limite al numero di rilanci effettuabili da un giocatore, la dimensione del piatto è l’importo massimo che un giocatore può puntare o rilanciare. La dimensione del piatto è formato dalla quantità totale di tutte le puntate e dai rilanci dei precedenti giri di scommesse, con l’aggiunta delle scommesse sul tavolo per il giro di puntate in corso (compresa la chiamata, cioè la quantità necessaria prima del rilancio). La puntata minima in ogni giro dipende dal big blind (ad esempio in un tavolo “euro 1/ euro 2 Pot Limit”, la puntata minima è di 2 euro). Comprendiamo meglio le puntate nel Pot Limit con un esempio: se il piatto al centro del tavolo è di 100 euro e la prima puntata è di 100 euro, il secondo giocatore potrebbe rilanciare fino a un massimo di 400 euro (chiamata di 100 euro + rilancio di 300 euro). In questo esempio 300 euro è la somma totale formata dal piatto al centro del tavolo, la puntata del primo giocatore di 100 euro, e la cifra del secondo giocatore (100 euro).

Nel terzo tipo di gioco, il NO LIMIT, è il nome stesso che ci fa capire come in questo caso non ci sono limiti, i giocatori possono puntare quanto vogliono, fino alla somma di tutte le loro chips, e la puntata minima equivale al big blind (grande buio).

Le mani in Omaha Poker

Quando parliamo di Omaha Poker ci possiamo porre porre una semplice domanda: è possibile parlare di strategia e di mani migliori?

Di sicuro l’Omaha è una variante che si basa sul progettare la partita e il gioco, in base alle carte che si ricevono. La principale e più importante strategia Omaha è quella di progettare la mano più alta, ovvero il “nut”.

Ma quali sono le mani migliori nel poker Omaha?

Delle oltre 250000 combinazioni di mani di partenza esistenti, alcune non sono giocabili.

Le mani migliori nel Poker Omaha son quelle con le due coppie più forti suited, come ad esempio: AAKK, che oltre a comprendere le due coppie migliori del poker, da la possibilità al giocatore di chiudere colore nuts.

Altre mani molto valide nel poker Omaha sono formate da: AAJY, AAQQ, AAKK, KKQQ, KKJJ, AATT, AA99, AAJT.

Uno degli errori da non fare, è quello di dare troppo peso alla coppia di assi, che può avere meno possibilità di vincere di alcune combinazioni di quattro carte formate dallo stesso seme (ad esempio 7-8-9-10). Lo stesso errore è da evitare con altre coppie all’apparenza molto forti come AA, QQ e KK.

Un’altra variante da tenere in considerazione sono i rundown bassi, in quanto hanno poche possibilità di arrivare a progetti nut. Le mani che comprendono coppie basse, non servono di solito alla costruzione di una buona strategia, in quanto spesso vengono sopraffatte dalle combinazioni degli avversari, soprattutto in presenza di scale e colori.

La posizione nell’ Omaha è fondamentale, come ad esempio giocare in una delle ultime posizioni può essere vantaggioso in quanto il giocatore può percepire molte informazioni sugli avversari. Per capire l’importanza della posizione, una strategia corretta dell’Omaha può essere quella di non rilanciare un flop da una delle prime posizioni, poiché si va a puntare su un piatto di cui si conosce poco.

Differenze tra Omaha Poker and Texas Hold’em

L’Omaha, dopo il popolarissimo Texas Hold’em è probabilmente la variante più famosa del Poker. A dirla tutta, l’Omaha è un gioco che deriva proprio dal Texas Hold’em. In effetti le regole dei due giochi sono molto simili, anche se presentano alcune importanti differenze.

La prima differenza fondamentale è che, nell’Omaha, le carte personali di ogni giocatore sono quattro e non solo due. Nel Texas Hold’em, i giocatori ricevono due carte coperte, mentre nell’Omaha poker, ad ogni giocatore ne vengono consegnate quattro.

La seconda differenza è che un giocatore, nell’ Omaha Poker deve per forza utilizzare due delle proprie carte personali per comporre il punto finale da cinque carte in totale, quindi è costretto a usare esattamente tre carte comuni. Nel Texas Hold’em invece il giocatore può utilizzare una o anche entrambe le carte a disposizione.

In una variante dell’Omaha, cioè l’Omaha Hi-Low, a differenza di quanto succede nell’ Hold’em, un giocatore può aggiudicarsi una parte del piatto anche se in possesso della mano più bassa. C’è una sostanziale differenza infatti per quanto riguarda i piatti: nell’Omaha Poker i piatti sono decisamente più grandi, e questo avviene in conseguenza del fatto che ogni giocatore riceve ben quattro carte, generando molte più combinazioni possibili per i giocatori che avranno svariate possibilità di rimanere in gioco.

I valori delle mani sono molto differenti. Nell’Omaha si può giocare con un range di mani più elevato, in conseguenza di ciò il valore delle mani nell’ Omaha poker solitamente è più alto rispetto al Texas Hold’em. Ad esempio, se nel Texas Hold’em si può chiudere con una doppia coppia o con un tris, nell’ Ohama Poker un avversario potrebbe ad esempio chiamare le vostre puntate con una combinazione di re o donne, temendo una combinazione di colori o scale, rendendo il gioco molto più battagliero.

Un’altra differenza sostanziale, è rappresentata dal Bluff. Molti giocatori decidono di utilizzare questa strategia per forzare alcune mani, ma bisogna tenere in considerazione che nell’ Omaha Poker, a causa di mani molto frequenti, sarà più difficile ottenere un buon risultato utilizzando un bluff, al contrario del Texas Hold’em, dove invece questa strategia può andare in porto più facilmente.

Che conseguenze ha tutto ciò? Si chiudono punti mediamente più forti nell’Omaha rispetto al classico Texas Hold’em. I progetti e le percentuali diventano molto più importanti e bisogna stare attenti a non confondersi con le regole di base.

Dove puoi giocare Omaha Poker Online

Prima di giocare con soldi veri, consigliamo sempre di giocare a Omaha Poker gratis, grazie alla modalità Prova disponibile su numerosi casino online.

Puoi giocare a Omaha Poker sui migliori casino con licenza ADM e approfittare dei vantaggiosi bonus di benvenuto riservati ai nuovi iscritti.

Tra i casino online dove puoi trovare Omaha Poker citiamo:

Multiregistrazione

Registrati contemporaneamente su 3+ casino e ottieni tutti i bonus insieme

Multiregistrazione
Migliori Casino Bonus
SENZA DEPOSITO 50 Giri Gratis su Book of Ra Deluxe CON DEPOSITO Fino a 1.000€ + 35 Giri Gratis
  • Puntate alla Roulette a partire da 0,10 cent come base
  • Nuove slot machine in uscita ogni settimana
  • Programma bonus soddisfacente
Rating icon Rating icon Rating icon Rating icon Rating icon
4.6/5
Snai

Snai

Il miglior casinò
SENZA DEPOSITO 25€ Gratis CON DEPOSITO 100% fino a 1000€
SENZA DEPOSITO 20€ CON DEPOSITO 125% fino a 500€
  • Client indipendente e giochi unici.
  • The Money Drop offre a tutti l'opportunità di vincere 100.000€.
  • Registratevi per avere subito 20€. Il primo deposito vi darà il 125% fino a 500€ di bonus con requisiti di 30 volte il bonus.
Miglior Slot Provider
  • Una Slot Machine nuova a settimana
  • Disponibile sui migliori casino italiani online
  • Nuovi giochi di Live Casino
!
UN QUARTETTO DA 450 GIRI GRATIS
Fino a 3.525€ + 450 Giri Gratis
Popup header image